domenica 16 marzo 2014

foresta nera, no sacher, no entrambe... torta per indecisi






perchè le giornate più lunghe, con finalmente il sole che rende tutto più luminoso mi fanno tanta paura?

paura, una parola che uso spesso, troppo!

un tempo avevo paura di cose "terrene", del traffico, dell'aereo, del vuoto di una funivia, adesso la paura è diventata una forma insidiosa, invisibile, che striscia sotto pelle, sotto l'anima, sotto il cuore e li spacca, li fa esplodere di terrore!
paura della vita, degli affetti, paura di lasciarsi andare perchè per me equivale a sofferenza, se voglio bene il risvolto naturale è la sofferenza, è un'equazione indissolubile!
se vuoi bene ogni cosa che può minacciare questo bene diventa paura e sofferenza!

non miglioro, niente da fare, credevo che il tempo uggioso influenzasse il mio umore e invece con l'esplodere di queste giornate primaverili mi sono resa conto che un giorno è terribilmente lungo, troppe ore da vivere, troppe ore in cui il cervello non smette di macinare pensieri, sempre quelli, sempre quel senso di vuoto, di abbandono, quella paura di vita!

e quella paura mi paralizza, non mi fa andare avanti di un passo, mi inchioda in questa prigione che è la mia non vita!

ma in questa non vita, in questa vita passata per gran parte rintanata, nascosta, spaventata, ci sono giorni che non vedo l'ora che arrivino, giorni fatti di cose semplici, una partita a carte, una cena del sabato, una cena in pizzeria, momenti in cui la mia mente cerca una via d'uscita, si accontenta di quelle poche ore prima di risprofondare nella sua solita maledetta, terribile tana!

ed è in queste serate che accolgo chi viene qui con quello che per me è sempre stato un sinonimo di cura, di accoglienza, di accudimento; il cibo.
cerco di ricordare i gusti di chi lo mangerà, tento di far sì che tutti mangino con piacere, li vizio e li coccolo con dolci sempre diversi!

e questa torta è una di quei dolci preparati per la cena del sabato, una torta indecisa.
volevo una torta cioccolatosissima, la sacher di Knam è strepitosa ma l'avevo già fatta e volevo cambiare, la foresta nera è per i miei gusti troppo pannosa, avevo però in casa della marmellata di lamponi e delle dolcissime amarene sciroppate, perchè non unire le due cose e vedere l'effetto che fa?






SACHER FORESTA NERA:

75g di cioccolato fondente al 60%
65g di burro
20g di zucchero a velo
1 cucchiaino di estratto di vaniglia o i semi di una bacca
3 tuorli
3 albumi
90g di zucchero semolato
65g di farina 00
un pizzico di sale
200g di panna fresca
2 cucchiai di amarene sciroppate
2 cucchiai di sciroppo delle amarene

per la ganache di copertura:
150g di panna fresca
200g di cioccolato fondente al 60%
per la bagna:
30g di rum
70g di acqua
20g di zucchero a velo

preparare la bagna mettendo in un pentolino zucchero a velo, rum e acqua e far bollire per 5 minuti, tenere da parte,
fondere il cioccolato col burro e lasciare intiepidire,
montare i tuorli con lo zucchero semolato e quando sono ben bianchi e spumosi unire la vaniglia, il pizzico di sale e il composto di cioccolato mescolando con una spatola dal basso verso l'alto per non smontare le uova,
montare gli albumi con lo zucchero a velo,
quando saranno a neve ben ferma unire la farina setacciata un cucchiaio per volta mescolando sempre con una spatola dal basso verso l'alto,
unire gli albumi e farina alla massa di tuorli e cioccolato amalgamando bene,
imburrare e infarinare uno stampo da 20-21 cm di diametro, versare il composto e cuocere a 170°c per 35-40 minuti, vale sempre la prova stecchino,
sfornare e sformare la torta e lasciarla raffreddare su una gratella, 
tagliarla orizzontalmente per ottenere 3 dischi e spalmare un disco con la marmellata ai lamponi, sovrapporre il secondo disco, bagnarlo con lo sciroppo al rum,
montare la panna e quando sarà ben soda unire lo sciroppo delle amarene e le amarene spezzettate, 
mescolare per amalgamare bene e spalmare sul secondo disco bagnato, 
coprire con l'ultimo disco facendo attenzione a far combaciare bene i bordi spalmandoli se occorre con un pò di marmellata o panna rimasta,
spezzettare il cioccolato in una ciotola, 
scaldare la panna portandola quasi a bollore e versarla sul cioccolato, mescolare fino a che sarà completamente sciolto, 
posizionare la torta su una gratella e metterla sopra un piatto più grande che possa raccogliere la ganache che colerà, versare partendo dal centro della torta la ganache ed allargarsi verso l'esterno, 
facendo così dovrebbero coprirsi bene anche i bordi,
aspettare qualche secondo e ripetere l'operazione con la ganache restante, 
aspettare fino a che il cioccolato non colerà più,
recuperare dal piatto sotto la gratella il cioccolato e metterlo in una ciotola, 
farlo raffreddare in frigorifero quindi versarlo in una sac a poche con bocchetta a stella e fare le decorazioni.






e dato che oggi compie gli anni la mia amica ostessa e non abbiamo occasione di festeggiare insieme questa giornata, post e fetta di torta sono dedicati a lei:
tanti auguri Ely, ti voglio un gran bene!



25 commenti:

  1. E' bellissima e credo anche squisita!!

    RispondiElimina
  2. wowwwwwww!!!!!! ma questa e' una vera delizia ,bellissima da vedere ma sicuramente buona , bravissima .....un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Una torta bellissima.
    Come i giorni che ti auguro di vivere d'ora in poi :)

    RispondiElimina
  4. Che bella torta mix fra due super torte! Spero il tuo sia stato un weekend sereno!

    RispondiElimina
  5. Dauli....non avrei mai pensato di ricaderci dentro anche io. anche mentre scrivo, ora, ho un senso di vuoto dentro...un'angoscia...non dormo più...ho sempre la tachicardia...non riesco ad accompagnare i miei bimbi a scuola...sto male in mezzo alla gente...in preda agli attacchi di panico...eppure, come te, continuo ad essere lucidissima quando scrivo e quando cucino. la cosa peggiore è rendersi conto che non è il clima a farci stare male....ti stringo forte. mentre mi scappa una lacrima. questa torta è di una bellezza struggente, come la tua anima. perchè chi sta come noi ha un'anima troppo raffinata e troppo sensibile per sopportare a bruttezza del mondo, a volte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ho bisogno di risponderti qui, ti abbraccio forte!!

      Elimina
  6. Non importa il nome la torta stupenda!! Anche nella decorazione!!
    Ti abbraccio forte!

    RispondiElimina
  7. Semplicemente deliziosa! Bravissima ! Un abbraccio forte
    Paola

    RispondiElimina
  8. Ciao Dauly, la bellezza della tua torta trasmette la bellezza della tua anima e sono certa che tu sia di una sensibilità disarmante...Ti auguro con tutto il cuore di ritrovare la serenità e l'armonia, che di certo sono dentro di te...hanno solo bisogno di uscire allo scoperto!! Un abbraccio forte cara e complimenti per questa meravigliosa ricetta! Mary di Unamericanatragliorsi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Mary, purtroppo è vero, la sensibilità se da una parte fa le persone "belle" dall'altra si rivela un'arma implacabile, il brutto è che non mi ci sono ancora abituata e non ho costruito una corrazza abbastanza forte per difendermi!

      Elimina
  9. questa torta è un matrimonio perfetto direi!
    Mi spiace molto di sentirti ancora così tormentata :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie cara, non so quando smetterà e non me lo chiedo neanche perchè non voglio aggiungermi altra ansia, quando sarà sarà!
      un bacione

      Elimina
  10. Dauly, chi fa dolci del genere, non può che avere dentro di se tanta voglia di vita, di bella vita, quella fatta di speranze non tradite e di voglia di di ridere. Questo dolce parla di te e da dentro di te è venuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la cucina è il mio rifugio, a volte funziona altre meno, certo è che ci metto me stessa, speriamo che dica delle cose belle come quelle che mi hai detto tu, grazie!

      Elimina
  11. Altro che coccola, questa è una super-mega coccola coi fiocchi. Assolutamente bellissima e sicuramente deliziosa. Anche io non amo le torte pannose ma l'abbinamento alla confettura di lamponi deve essere perfetto per stemperare il grasso della panna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo confesso, io detesto la panna montata sulle torte, impossibile vedermene mangiare una a meno che debba fare proprio uno sforzo di cortesia!
      ma questa è talmente ricca di amarene col loro sciroppo che va giù che è una meraviglia! ;-)

      Elimina
  12. Ciao! Ti ho assegnato il premio "The Versatile Blogger Award", passa sul mio blog a ritirarlo! Spero ti faccia piacere..! Un abbraccio
    http://petrusina.blogspot.it/2014/03/the-versatile-blogger-award.html

    RispondiElimina
  13. Luce muy deliciosa su torta es mi preferida en los cumplkeaños buena versión adorable,abrazos :)

    RispondiElimina
  14. Ciao Dauly...
    Sai che ho scoperto oggi che sei di Parma? Anche ioooo! :-)
    questa torta è una cosa semplicemente MERAVIGLIOSA... mi spiace leggere che non stai bene... in questi casi non si sa che dire... posso solo... abbracciarti... CIAO!!!

    RispondiElimina

articoli correlati

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...